chirurgia orale

La chirurgia odontostomatologica (o chirurgia orale) svolta nel nostro ambulatorio si occupa di estrazioni di denti erotti, residui radicolari,
denti inclusi o semi-inclusi nelle ossa mascellari. Particolare riguardo viene rivolto alla rimozione dei terzi molari inferiori: questi elementi
molto frequentemente contraggono rapporti molto stretti con strutture anatomiche estremamente delicate, come il nervo alveolare inferiore
e il nervo linguale, che devono quindi essere assolutamente salvaguardate durante la procedura di estrazione. Per questo motivo tali interventi prevedono un’ accurata pianificazione basata su un’analisi radiologica in grado di valutare, mediante tomografia assiale computerizzata, con precisione l’intera area anatomica, seguita da una medicazione preliminare farmacologica personalizzata che possa poi controllare efficacemente i sintomi post operatori.

Si effettuano inoltre interventi di apicectomia, ovvero asportazioni dell'apice di denti coinvolti in processi flogistici e non trattabili
dalla terapia endodontica tradizionale e di asportazione di neoformazioni come cisti e papillomi o fibromi.

Ampia parte dell’attività chirurgica ambulatoriale è dedicata poi all’implantologia. Frequentemente è necessario, infatti, intervenire chirurgicamente per modificare un’area anatomica al fine di renderne possibile il trattamento mediante l’inserzione di impianti: si eseguono interventi di rialzo del seno mascellare, dirigenerazione ossea verticale e orizzontale nonché interventi di ricostruzione di tessuti molli
peri implantari.

Viene infine posta particolare attenzione al trattamento chirurgico dei deficit ossei causati dalla parodontite: tale patologia è in grado, mediante la distruzione dell’osso di supporto dei denti, di causare la perdita degli elementi dentari stessi. Nostra intenzione è quella
di tendere il più possibile alle terapie conservative e rigenerative di questi difetti allo scopo di mantenere i denti colpiti.

La posizione assunta dal dente ha provocato diversi episodi ascessuali accompagnati da dolore. Per la rimozione si è reso necessario il sollevamento di un lembo e la separazione dell'elemento. Si rende necessaria l'asportazione in quanto tendente all'aumento di volume provocando fastidi alla masticazione. La guarigione al controllo dopo 30 gg. dall'asportazione. Formazione cistica a carico del gruppo degli incisivi inferiori. La rigenerazione ossea dopo l'asportazione della formazione cistica
Share by: